Riserva Naturale Monte Prinzera








La Riserva Naturale Orientata di Monte Prinzera è situata nella media valle del Taro, sulle colline dell'Appennino parmense. In ambito regionale è la sola area istituita a tutela di un affioramento ofiolitico. Di questo ambiente molto peculiare la riserva consente di apprezzare le severa bellezza e le numerose emergenze naturalistiche. La scura roccia affiora in dirupate pareti e forma aride pietraie che ospitano una vegetazione diradata ricca di specie rare ed esclusive.
Situata pochi chilometri a sud di Fornovo di Taro (dove è localizzato un casello dell'autostrada Parma-La Spezia), la riserva è agevolmente raggiungibile percorrendo la Statale 62 della Cisa, che per un tratto ne segna il limite occidentale.

Il termine ofiolite (dal greco ofios, serpente) descrive un'associazione di rocce vulcaniche, plutoniche e metamorfiche estremamente simili, dal punto di vista chimico-mineralogico, ai materiali rocciosi dei fondali oceanici attuali. Dopo decenni di interpretazioni incerte, agli inizi degli anni '60 venne formulata l'ipotesi secondo cui le ofioliti rappresenterebbero porzioni di antica crosta oceanica incorporate nelle catene montuose durante l'orogenesi.
Presenti lungo molte catene (alpi, Appennini, Balcani, Himalaya, Caucaso, Urali), le ofioliti sono di grande importanza per decifrare i movimenti delle zolle, perché le regioni ai loro lati, oggi contigue, erano un tempo separate da un oceano.

Le ofioliti appenniniche, che nella montagna parmense e piacentina formano le imponenti moli dei monti Penna, Aiona e Maggiorasca, sono la testimonianza di un oceano, chiamato dai geologi Ligure-Piemontese, che nel Giurassico separava le zolle continentali africana ed europea. Le rocce del Prinzera, esternamente di colore bruno-aranciato ma nere alla frattura fresca, sono dette peridotiti, dal nome del minerale più abbondante, il peridoto, un silicato di ferro e magnesio noto anche come olivina.


La Riserva Naturale Orientata di Monte Prinzera, istituita nel 1992, si estende su una superficie di 310 ha nei territori di Fornovo e Terenzo. La gestione dell'area è provvisoriamente affidata al Comune di Fornovo in collaborazione con quello di Terenzo. Per informazioni e visite guidate rivolgersi al Comune di Fornovo (tel. 0525/400230). Gran parte dell'area protetta è di proprietà privata; una piccola porzione (10 ha circa) è stata acquistata dalla Federazione Nazionale Pro Natura (tel. 0521/218767).
Le norme del piano di gestione della riserva limitano l'accesso a gran parte dell'area ofiolitica, consentendone la fruizione solo in periodi determinati o mediante visita guidata. L'itinerario consigliato, che si sviluppa in una porzione marginale ma ugualmente significativa dell'affioramento, è invece percorribile tutto l'anno. Da Casa Taria si sale lungo la strada per Case Prinzera fino a uno spiazzo con una fonte, dove un sentiero poco evidente sulla destra si inerpica per la prateria ofiolitica. Lo si percorre tra roccette e isolati sorbi montani fino a raggiungere, ormai in vista della vetta, un sentiero più ampio, ben marcato con segnavia bianco-rossi, che, a sinistra, discende a Case Prinzera. Da qui l'itinerario prosegue in direzione di Monte Prinzerolo (582 m), compiendo un ampio periplo attorno alle sue boscose pendici, per poi ricollegarsi alla Statale della Cisa poco a valle del punto di partenza. Durata: 1 ora.

Richiedi alla reception del campeggio il depliant dedicato alla Riserva del Prinzera con le indicazioni per l'itinerario consigliato.

Riserva Naturale Orientata Monte Prinzera, tel. 0525-400230




Turismo Sportivo S.Ca.R.L. Via Nazionale, 146 43042 BERCETO (PR) P.IVA: 00520660341 Cod.Fisc. 80003330349 Tel: 0525/64521 Fax: 0525/629014 www.campingipianelli.it e-mail: info@campingipianelli.it