Parco dei Cento Laghi








Il Parco dei Cento Laghi occupa un'area di 12.600 ha nell'estrema periferia sudorientale della provincia di Parma ed è situato interamente in area montana, dagli 800 ai 1850 m, nei comuni di Monchio delle Corti e Corniglio.
E' stato istituito nell'aprile del 1995, ma gli organi direttivi si sono insediati solo alla fine del 1996. Salvaguardia della natura e valorizzazione dell'identità storico-culturale del territorio di appartenenza sono i principali obiettivi che si propone l'Ente Parco, che opera attivamente anche per promuovere forme di sviluppo socio-economiche rispettose dell'ambiente.

Il Parco deve il proprio nome ad una delle caratteristiche più interessanti del territorio, ossia la presenza di numerosi laghi che punteggiano il comprensorio. Ben 19 sono quelli permanenti che, insieme a numerose pozze temporanee e diverse torbiere, sono gli inconfondibili segni dell'impronta lasciata in queste vallate dagli antichi ghiacciai.

Il territorio offre una serie di ambienti naturali come castagneti, foreste di abete e faggio, brughiere, vaccinieti, idonei a ospitare molte specie animali. Tra i mammiferi il lupo è sicuramente la presenza di maggior interesse, mentre è possibile assistere ai maestosi voli di un altro importante inquilino del crinale:l'aquila reale, la cui presenza stabile risulta ormai certa entro i confini del parco. Numerosissime sono anche le varietà di fiori, tra i quali spicca per rarità e importanza la primula appennina, un endemismo del crinale parmense e reggiano, e sulle rocce più assolate fanno capolino i fiori azzurri di Globularia incanescens, specie tipica delle Apuane.

Il parco racchiude anche un patrimonio storico che vede nel Medioevo l'epoca che ha lasciato la traccia più incisiva. Le Corti di Monchio, situate nell'alta Val Cedra e in parte nella Val Bratica, ne sono tra le espressioni più significative, includendo, con le loro testimonianze architettoniche, i segni di una cultura passata.
La presenza, quindi, di emergenze naturali e beni culturali motiva l'elaborazione dei strategie di conservazione della natura e di sviluppo sostenubile, e così l'area protetta si presenta come un vero e proprio laboratorio per stimolare comportamenti responsabili e consapevoli verso l'ambiente. Al fine di favorire la conoscenza delle caratteristiche proprie dell'ambiente montano e offrire occasioni di svago e studio all'aperto, il parco ha promosso verso le scuole una serie di attività e percorsi didattici, facendo dell'educazione ambientale una delle attività prioritarie dei propri programmi.
Con i suoi diversi percorsi tematici, le numerose aree attrezzate per la sosta, i 150 km di pista ciclabile per mountain bike, e i due Centri di Educazione Ambientale a supporto delle scuole in visita, il parco offre tanti modi per avvicinarsi alla natura e fruirne con libertà e divertimento.

Parco dei Cento Laghi, tel. 0521-802688




Turismo Sportivo S.Ca.R.L. Via Nazionale, 146 43042 BERCETO (PR) P.IVA: 00520660341 Cod.Fisc. 80003330349 Tel: 0525/64521 Fax: 0525/629014 www.campingipianelli.it e-mail: info@campingipianelli.it