Parco Fluviale Regionale del Taro










Viperina azzurra
Il Parco Fluviale Regionale del Taro tutela un tratto di una ventina di chilometri del corso d'acqua, dal ponte stradale di Fornovo a quello sulla via Emilia nei pressi di Ponte Taro. L'istituzione del parco ha avuto lo scopodi salvaguardare, soprattutto dalle indiscriminate attività estrattive, il vasto alveo del fiume e le zone limitrofe, di fondamentale importanza per la numerosa avifauna che durante le migrazioni transita per questo corridoio naturale.
Per raggiungere il territorio del parco si può utilizzare l'autostrada A15 Parma-La Spezia, uscendo ai caselli ParmaOvest o Fornovo. La Statale 62 della Cisa consente di intercettare varie strade comunali che si dirigono verso il fiume (a Ponte Scodogno, Gaiano, Ozzano e Riccò).

Il Parco, esteso su una superficie di poco superiore ai 2.500 ha, è stato istituito nel 1988, anche se le prime proposte di tutela del Taro risalgono al 1972, quando gli abitanti della zona e le associazioni ambientaliste si opposero alla costruzione di una raffineria sulle sponde del fiume nei pressi di Fornovo. L'ente di gestione è un consorzio tra la Provincia di Parma e i Comuni di Collecchio, Fornovo, Medesano, Nocto e Parma. La sede è a Collecchio, in piazzale Avanzini 11a (tel. 0521-802688); è possibile prenotare visite guidate, che sono affidate a due organizzazioni di Guardie Ecologiche. I periodi più indicai sono quelli legati alla presenza della ricca avifauna migratoria anche se per tutto l'anno è possibile l'osservazione delle numerose specie di uccelli stanziali.

Nel parco l'avifauna è la classe di vertebrati più conosciuta: sono state segnalate ben 252 delle 472 specie note per l'Italia. Questa ricchezza è dovuta all'elevata diversità di ambienti tra loro vicini e alla particolare ubicazione geografica. Lungo il corso principale del fiume, sugli isolotti e sui depositi di ghiaie e sabbia, nidificano alcune delle specie più caratteristiche del parco come sterna comune, fraticello, corriere piccolo e occhione, i cui nidi possono a volte essere distrutti da piene improvvise del fiume. Lungo il greto sono facilmente rilevabili altre specie come ballerina bianca e culbianco, che nidificano spesso negli ammassi di tronchi e rami, e come gabbiano reale e airone cenerino, che non nidificano nel parco ma sono presenti tutto l'anno. Nelle ripide scarpate scavano i loro nidi a galleria sia specie coloniali come topino e , sia il territoriale martin pescatore, che si nutre di piccoli pesci. Dove le acque scorrono lente o sono stagnanti, gli uccelli acquatici nidificanti più caratteristici sono gallinella d'acqua, germano reale, usignolo di fiume, pendolino e i rari tarabusino e marzaiola.

Numerosi sono i mammiferi presenti, per molti dei quali il parco rappresenta un importante corridoio di diffusione dalla montagna verso la pianura. Oltre a specie facilmente osservabili come lepre e riccio, e a predatori molto elusivi come volpe, tasso, puzzola e faina, le cui tane sono spesso situate negli argini del fiume e dei canali, sono presenti due specie di particolare interesse per i loro adattamenti alla vita acquatica: toporagno d'acqua e arvicola d'acqua.
Tra gli anfibi abbondano rane verdi, rospo comune e smeraldino, raganella, tritone crestato e punteggiato.

Al centro dell'alveo del fiume, sulla sommità delle barre fluviali più alte, si sviluppano veri e prorpi boschetti di salici, pioppi e robinie ma sulle ampie sponde ghiaiose la vegetazione è limitata solo a brevi periodi stagionali. Il greto è per le piante uno degli ambienti più inospitali, solo alcune piante come poligono nodoso, amorino giallo e meliloto bianco, grazie ai cicli vegetativi brevissimi, riescono a insediarsi nei depositi fini tra i ciottoli; visibili tutto l'anno sono i curiosi frutti ricoperti di uncini della nappola, e molto appariscente, soprattutto durante la fioritura, è la viperina azzurra (Echium vulgare o buglossa).

Richiedi alla reception del campeggio il depliant dedicato al Parco Fluviale Regionale del Taro.

Parco Fluviale Regionale del Taro, tel. 0521-802688




Turismo Sportivo S.Ca.R.L. Via Nazionale, 146 43042 BERCETO (PR) P.IVA: 00520660341 Cod.Fisc. 80003330349 Tel: 0525/64521 Fax: 0525/629014 www.campingipianelli.it e-mail: info@campingipianelli.it